QuestasinnaI

Animazione e promozione della partecipazione civica sui più importanti problemi collettivi


18 Settembre 2010 - Ambiente

Solanas

Scogli Cratzeranu, pericolo frane

Segnalazione urgente

Andrea Serreli, geologo

commenti (3) Stampa l'articolo Spedisci l'articolo

Riceviamo e pubblichiamo questa "segnalazione urgente, già presentata anche al forum comunale", da parte del  cocittadino dr. Andrea Serreli, geologo


"Vorrei segnalare che all'estremità Est della spiaggia di Solanas è presente un fenomeno franoso attivo che per caratteri geologici, geomorfologici e geotecnici è caratterizzata da un grado di pericolosità molto elevato, incentivato dalle variabili litologiche e strutturali degli ammassi rocciosi e da processi erosivi intensi legati al deflusso delle acque.

Visto il transennamento di una porzione della spiaggia, assolutamente insufficiente, per niente funzionale e per nulla informativo, alla mia richiesta di chiarimenti e precisazioni da parte dei tecnici comunali la risposta è stata: "c'è una pietra che sta cadendo".

Questo modo di trattare l'argomento è estremamente semplicistico e approssimativo, quando è a rischio l?incolumità delle persone. La realtà è un?altra ed è che si tratta di un fenomeno di dissesto intenso e diffuso, caratterizzato da prevalente dinamica di crollo con potenziali scivolamenti, ribaltamenti e rotolamento di massi e blocchi che stanno prossimi allo stato di equilibrio limite.

Sono evidenti in queste condizioni, non una pietra, ma singoli massi di dimensioni anche superiori al metro cubo, accumuli di detriti crollati dalla cornice rocciosa a monte che stanno anche questi in condizioni incipienti di moto gravitativo, e poi vorrei aggiungere che anche un masso di 0,001 metri cubi, una pietra o una perda, che precipita da 10 metri di quota è estremamente pericoloso.

Vorrei ricordare anche che l'archivio AVI (Aree Vulnerate Italiane), consultabile tramite il SICI (Sistema Informativo Catastrofi Idrogeologiche), censisce un evento franoso verificatosi nel 1962, sul lato Est del promontorio di Capo Boi, in territorio di Sinnai, del quale, per semplificazione, riporto solo le note: ?Un pescatore, che si trovava al piede della parete, è stato investito da un masso precipitato dalla falesia rimanendo ucciso?.

Credo che sia necessario e urgente, visto che si approssima il periodo delle piogge che possono incrementare la pericolosità intrinseca del fenomeno franoso, un transennamento esteso anche ad una più interna porzione della spiaggia e della scogliera, che segua un criterio basato sulla valutazione specifica della pericolosità geomorfologica e non sull?approssimazione, che sia necessario interdire la sosta e il transito in quella porzione di spiaggia, facendo soprattutto informazione sul pericolo di frana.

Andrea Serreli, geologo."

- Foto redazione ff



torna su

Scrivi un commento

 Nome (*)

 Email (*)

Inserisci nel campo sottostante il testo di sei lettere o numeri che appaiono in questa immagine.

verifica immagine:

 

 


Commenti:
  1. Andrea Serreli - 27 Settembre 2010

    Leggere meglio

    Luca, forse faresti bene a leggere meglio il post e non a sparare a zero su una questione proritaria sulla sicurezza e l'incolumità delle persone. La segnalazione, come dici bene tu, è stata fatta di persona e lo stesso commento che tu vedi in questo sito è stato inviato anche al forum comunale che non ha pubblicato. In ogni caso ciò che ho scritto in questo forum è solo notizia, è solo informazione, è solo cultura, è solo trasmissione di conoscenza e non "gazzosa" come miseramente e maldestramente l'hai definita tu a quanto pare senza neppure leggerlacon un minimo di interesse. Andrea Serreli, geologo.

  2. Luca - 25 Settembre 2010

    Anzichè

    Certe cose proprio non le capisco .... Visto e considerato che il geologo Andrea Serreli ha ultimamente collaborato con l'Ufficio Tecnico Comunale ...., perchè non fa la segnalazione direttamente in Comune , vista la vicinanza con l'attuale dirigenza politica , anzichè fare " gazzosa " in questo sito ????????

  3. Luca 70 - 19 Settembre 2010

    Comune e ambiente non legano molto

    Comune di Sinnai e l'ambiente non legano molto, l'intervento approssimativo messo in opere dall'amministrazione comunale lascia il tempo che trova.La sicurezza dei cittadini non è una priorità per questa amministrazione vedi anche il caso dei blocchi di cemento (dissuasori ! ) e massi seminati nelle strade della frazione Torre delle Stelle certificati un pericolo per l'incolumità pubblica ; vedi anche i lavori abusivi di modifiche del deflusso delle acque piovane che ad ogni pioggia la spiaggia di Genn'e mari Torre delle Stelle viene invasa da una marea di fango e altro...Questa è il risultato della sensibilità ambientale di questa amministrazione.

 

 

Invia ad un amico:

inserisci la tua email (*)

Inserisci la mail del tuo amico(*)

eventule commento

 

Foto Archivio Questasinnai.com
visite: 743636
x

Questasinnai