QuestasinnaI

Animazione e promozione della partecipazione civica sui più importanti problemi collettivi


06 Aprile 2010 - Storia Locale

Sinnai

Per una storia dell'esperienza folkloristica

Dopo "Settanta anni di Folk" di M Serreli, un intervento dell'Ass. Su Cuncordiu: " Altri apporti e sottolineture anche aspre"

Vecchio Direttivo Ass. Su Cuncordiu

commenti (0) Stampa l'articolo Spedisci l'articolo

QuestasinnaiSinnai ha vissuto dagli anni '40 del secolo scorso una straordinaria e formidabile esperienza di ricostruzione e valorizzazione dei suo floklore, grazie a una serie di Associazioni; quelle attuali,  ora , con differenti apporti, a volte con sottolineature anche aspre e polemiche, pubblicati anche su QS, ne stanno ricostruendo la storia. Siamo sicuri che in seguito si giungerà a una sintesi più concorde e unitaria. Non ci preoccupiamo più di tanto delle differenze, perchè comunque complessivamente  è un contributo molto positivo per l'identità e il futuro del folkore di Sinnai. - Grazie

Nota:  L'articolo ci è stato consegnato, dal presidente sig. Alessandro Floris con la firma "Direttivo Ass. Su Cuncordiu"; già pubblicato da alcuni giorni ci è stato chiesto, dallo stesso sig. Floris, la correzione in "Vecchio direttivo Ass. Su Cuncordiu"

"Facciamo seguito all'intervento molto particolareggiato della sig.ra Serreli,(art qs 3 sett 09) riguardante le vicende storiche dell'esperienza folkloristica che ha caratterizzato la nostra cittadina. Riteniamo meritevole il suo intervento laddove descrive i fatti occorsi nel periodo anteguerra e quelli del periodo 1952-60 in quanto riferiti a persone ed avvenimenti da Lei conosciuti. Altrettanto non può dirsi, quando cita, fatti e situazioni non vissuti da lei in prima persona ma appresi solo de relato, che  vengono trattati in modo approssimativo.

Quando parla della ricostituzione unitaria del 1977, inizia ad essere fortemente imprecisa. .Quei giovani che il 25/07/1977 costituirono il nuovo Gruppo Folk Sinnai, sotto la presidenza del Sig. Luigi Baldinu, erano tutti provenienti dal disciolto Gruppo Serpeddì presieduto sino al 15/08/1976 dal Sig. Giovanni Melis, data si dimise. Quei ragazzi in attesa di una nuova dirigenza, avevano continuato, comunque, per un anno a provare le coreografie dei balli. Non si può parlare correttamente di ricostituzione in forma unitaria di due gruppi ( Gruppo Folk Sinnai e Gruppo Serpeddì ), ma semplicemente di una nuova associazione denominata Gruppo Folk Sinnai. Questo perchè il vecchio Gruppo Folk Sinnai cessò totalmente la sua attività nel 1969, mentre è doveroso ricordare come il corpo di ballo del nuovo Gruppo Folk Sinnai fosse composto per intero da ballerini provenienti dall'ex Gruppo Serpeddì.

Orbene anche per quanto riguarda l'elencazione fatta dalla dei partecipanti alla " ricostruzione unitaria", merita rilevare,qualche piccola veniale omissione? Desta curiosità l'elencazione di persone che a mala pena si sono affacciate al portale di Via Funtanalada ( storica sede del Gruppo Serpeddì ), mentre risulta del tutto inspiegabile l'omissione di esponenti che vi hanno militato per anni, quali Sandra Serra, Antonello Orrù, Massimo ed Andrea Cappai, Massimo Gulleri, Marco Lecca giusto per fare alcuni nomi. A fronte della  ricostruzione storica effettuata deve censurarsi la palese erronea indicazione del nome del gruppo diretto dal Sig. Giuseppe Piroddi. Questo operò intensamente e con successo dal 1978 al 1984 sia in Italia che all'estero lo si  chiama Gruppo Folk Serpeddì mentre in realtà si chiamava Gruppo Folk Santa Barbara.In merito alla nascita del Coro Su Cuncordiu Sinniesu, noi siamo dell'avviso, che hanno pari dignità, tutti coloro che hanno partecipato alla costituzione ( sia quella storica avvenuta una domenica pomeriggio del lontano ottobre 1998, sia quella ufficiale che compare nel verbale di assemblea costituente del 2002 ), inclusa la persona che diciamo così diede lo spunto iniziale. Non siamo peraltro in alcun modo propensi a dare risalto eccessivo e ingiustificato a certi soggetti piuttosto che ad altri.
 
 Invero non può tacersi che l'ex direttore del coro, purtroppo è stato protagonista in negativo, nei suoi ultimi anni di militanza ed ha segnato con il suo agire il periodo più triste e cupo della nostra Associazione.  A tal riguardo per ragioni note e documentabili preferiamo non ricordare chi ha travisato lo scopo e la natura statutaria della nostra Associazione,volendo esaltare la propria figura al di sopra e a discapito degli altri deprimendo il pacifico spirito associativo. Si segnala come per sua stessa ammissione non ha mai riconosciuto ne statuto ne direttivo. Riconosciamo corretta la citazione contenuta al titolo IV dell'art. 8 del nostro statuto fatta dall'ex direttore. Visto che parliamo di menzioni, stranamente la stessa, compare anche nello statuto del coro s'arrodia. Ne consegue, perciò,  che non c'è nulla di inusuale. lui la menzione negli statuti costitutivi la pretende a prescindere dalla meritorieta'.

Come giustamente  nella quasi totalità degli statuti pro forma, di qualsiasi tipologia associativa, non si usa fare citazioni a chicchessia. Coloro che vogliono  soddisfare la  curiosità  invitiamo a prendere visione, dello statuto del coro s'Arrodia. Si legga in particolare il titolo VIII "compiti e cariche interne" e segnatamente l'art 39 dove il direttore artistico sig. Maurizio Boassa, ricopre l'incarico A VITA di direttore artistico, fa parte di diritto del consiglio direttivo con diritto di voto, e può ricoprire qualsiasi carica, all'interno dello stesso consiglio. Così facendo può ricoprire la doppia carica presidente-direttore, ossia essere su meri dell'associazione.

Inoltre, quando si parla di un'eventuale successore,si legge che ciò potrà avvenire solo ed sclusivamente in caso di sue spontanee dimissioni ( titolo X " norme transitorie e finali artt. 43-44 ). Questa e' democrazia? L'eventuale direttore subentrante è veramente un povero disgraziato, considerato, che non potrà mai avere, neppure uno, degli incarichi a lui riservati. Questo è l'atteggiamento che il sig. Boassa  ha nei confronti degli altri componenti del coro ( gli amici ). Questa è la sua visione di alta democrazia. In virtù, infatti, di quanto disposto dagli articoli del loro statuto, il presidente non potrà mai prendere nessun provvedimento nei confronti del direttore artistico, ( anche se giusti e motivati ) neppure nella circostanza in cui fosse in accordo con il direttivo. A conti fatti, il loro direttivo, è esautorato di alcune prerogative, che per statuto dovrebbero spettargli,ed il presidente potrà assolvere solo e soltanto al ruolo di " prestanome".  Nel loro statuto sono previsti provvedimenti disciplinari per tutti i componenti dell'associazione e per tutte le cariche elettive. Noi riteniamo che ogni associazione debba essere governata da sani principi di partecipazione democratica e di pari dignità dei partecipanti. Non è ammissibile che invece sia regolata da statuti ad personam (come quello del coro s'Arrodia ), in quanto ciò diverrebbe di cattivo esempio per le nuove nascenti aggregazioni.

Tornando all’ excursus storico, per quanto riguarda l'anno 2007 vogliamo ricordare che: Non è vero che esistevano due fazioni all'interno de Su Cuncordiu Sinniesu, ne esisteva solo una, capeggiata dall'ex direttore Non è vero che Su Cuncordiu Sinniesu si è scisso, al contrario è rimasto sempre unito e compatto e prosegue tuttora la sua attività. Non è vero che Su Cuncordiu Sinniesu ha interrotto per qualche mese la sua attività, lo ha fatto solo per il tempo necessario alla nomina del nuovo direttore ( nominato dal consiglio direttivo previo beneplacito dell'assemblea dei coristi in data 09/11/2007 ). Non c'è stata nessuna riorganizzazione sotto la direzione del Maestro Capalbo. Il coro,non ha mai cessato di esistere,ed assieme al direttivo era compatto prima, e lo è ancora di più oggi.

La nostra filosofia di vita è quella per la quale tutti sono utili ma nessuno indispensabile. La situazione da lei auspicata, con tanto facile buonismo, di un unica formazione comprendente i migliori coristi delle due associazioni, e improponibile e fuori luogo in questo contesto."

Il Vecchio  Direttivo de Su Cuncordiu Sinniesu

Nota qs,  altri articoli  su questo sito inerenti, sez Storia locale: 
14 giu 09 "Su Cuncordiu sunniesu" - 3 sett 09 "Settanta'anni di Folk" di M Mercese Serreli



torna su

Scrivi un commento

 Nome (*)

 Email (*)

Inserisci nel campo sottostante il testo di sei lettere o numeri che appaiono in questa immagine.

verifica immagine:

 

 


Commenti:

 

 

Invia ad un amico:

inserisci la tua email (*)

Inserisci la mail del tuo amico(*)

eventule commento

 

Foto Archivio Questasinnai.com
visite: 743637
x

Questasinnai